· 

Kos, Rodi e Symi come non le avete mai viste prima

Rodi, Grcia, Belvedere fiorito
Belvedere fiorito sulla costa di Rodi

Da quando sono diventato appassionato di fotografia e ho unito l'amore per il viaggio e la fotocamera, il mio modo di vedere le cose è completamente cambiato. Anche se sono stato qui  tempo fa, mi sembra di non aver mai visto queste isole.
Camminare per chilometri, girarsi, aspettare, perdersi, parlare con la gente, ha reso questi dieci giorni davvero incredibili.

Senza contare tutte le volte in cui le persone si  sono messe di fronte alla fotocamera, vedendoti impegnato con il cavalletto e, forse, pensavano di essere di fronte a un fotografo professionista (che io non sono). Ma è divertente ridere, scherzare, magari trovare qualcuno nel mezzo di una foto. Sono sempre ricordi di vita.

Kos

Alba sul mare a Kos
Alba sul mare a Kos

Quando ho prenotato il volo per Kos ed era giunto il momento di scegliere l'hotel, ne ho preferito senza dubbio uno sulla spiaggia. Non sono stato fortunato come l'ultima volta ad avere una vista sul mare ma, in pochi minuti, mettendo la sveglia, ero sulla spiaggia e scattare qualche foto dell'alba sul mare. Il terzo giorno, o piuttosto la terza mattina, lo spettacolo che si è presentato davanti a me è stato unico (foto sopra). Pace, colori unici e silenzio. Pochissime persone in giro (c'era solo una ragazza sulla spiaggia con il suo cagnolino che è fuggita non appena sono arrivato quasi  avessi invaso la sua area di quiete e privacy).

Può capitare di vedere e fotografare qualcosa che attira la tua attenzione, ma che non è più lì qualche ora dopo. È il caso di questa baracca bruciata nel porto di Kos che ho fotografato passando da quelle parti ma, il giorno della mia partenza per Rodi, era finito sotto le macerie e la forza dei bulldozer greci. Non so dove sarà questa sedia che ho preso in prestito. Forse qualcuno ci sarà seduto o forse sarà lì da sola ad ascoltare il suono delle onde del mare.

C'è una cosa che ho imparato leggendo libri di fotografia scritti da fotografi professionisti, ed è che  bisogna camminare molto, sapendo  aspettare, osservare e guardarsi intorno. Il giorno in cui sono andato su all'Asclepeion, un sito archeologico  dedicato a Asclepius, Dio della medicina, ho preferito camminare per chilometri piuttosto che usare i bus turistici o  trenini colorati e le sorprese non sono certo mancate, nonostante il caldo torrido.

Il titolo dell'articolo promette di mostrarti foto inusuali di tre isole greche così ho evitato il maggior numero possibile di monumenti lungo il cammino  fino all'Asclepeion ( e ce ne sarebbero parecchi!). Comunque. Prima foto: primo piano di uno dei tanti gatti in cui sono popolate le isole greche. Questo, tuttavia, a differenza di altri,  vive su un'antica strada costruita all'interno di un sito archeologico. Un onore per un gatto, penso!
Seconda foto: all'inizio della salita, dopo l'ultimo villaggio prima dell'Asclepeion, c'è un negozio che vende oggetti in ceramica. Nel parcheggio questa vecchia Ford è sistemata con diversi "vasi di fiori" creati all'interno dei pantaloni (ce ne sono altri che non ho incluso nell'album)
Terza foto: un monumento che dovevo mettere. Una parte del sito archeologico di Asclepeion vista dall'alto.
Quarta e ultima foto: un incontro piuttosto speciale. Mentre tornavo dall'Asclepeion, ho visto un'auto molto vecchia in un campo recintato, quindi ho provato ad entrare. Sfortunatamente c'era un cancello e un cane ( da guardia?) si è avvicinato lentamente .Ero un po 'spaventato nel vederlo ma, penso che fosse solo un po' assetato per il caldo.

... e quando arriva la sera, Kos mette in mostra luci colorate che siriflettono in mare e lo rendono ancora più bello.

Lo so. Tendo a scattare molte foto del mare. Ma conosci forse qualcosa di più bello? Comunque. Prima foto: riflessi d'acqua proprio di fronte all'hotel dove alloggiavo. Uno dei tanti ristoranti ha avuto la buona idea di creare questo spazio sulla spiaggia per rendere le cene degli ospiti più romantiche.
 Seconda foto: chiesa di Agia Paraskevi nel centro di Kos. Sebbene questa facciata sia in ottime condizioni, quella posteriore è tutta incrinata e cedevole. Un vero peccato non poter entrare per una visita! Terza foto: un pescatore sul molo turistico. Ce ne sono alcuni lì. Quarta foto: la strada che conduce al porto principale. Il colore del cielo oscura tutto il resto.

Rodi

Il programma iniziale prevedeva una visita di soli due giorni qui a Rodi ma, arrivando all'aeroporto, ho deciso di cambiare volo per rimanere altri 4 giorni in più. Lo ammetto. Viaggiare come fotografo rende tutto molto più bello e divertente. Si fanno molte amicizie in più , nuovi incontri e le giornate sono più intense. E comunque le foto migliori sono state scattate in questi quattro giorni, secondo me.

Come posso dire: la vacanza che non ti aspetti.
3.20  circa di notte.
 Sento rumori in strada e apro la finestra dal balcone del sesto piano. Il tetto del vecchio mulino a vento ha preso fuoco!
Ho molta paura perché c'è vento e dal 6 ° piano non è facile scendere ma i pompieri sembrano molto preparati. Ci siamo fatti l'idea  che la Grecia sia un paese bellissimo, pieno di persone ospitali e allegre, ma forse non preparato per queste eventualità.
Sbagliato!
La foto (terza) non è molto chiara ma guardate come il pompiere esce dal tetto e con l'idrante spruzza l'acqua verso il tetto in fiamme!
E la prima foto mostra bene come il sottotetto fosse rovente e in fiamme! Nonostante ciò, questi uomini coraggiosi, rompendo il vetro e il legno dei tetti, si sono fatti strada verso l'alto.
Applausi!!! Un po 'meno per me, che con un po' più di coraggio sarei potuto andare in strada a scattare foto migliori.

Finalmente un po' di spiaggia? No, non ancora! Dopo sei giorni e 15 chilometri di cammino, ho visto il mare solo attraverso l'obiettivo della mia Canon e di Relax non se  ne parla ancora. Cammino e cammino ancora e questa volta mi perdo in campagna lungo la costa. Ma vi ho promesso nel titolo che avreste visto Rodi come mai prima, giusto?

Passato attraverso la  campagna (quasi) incontaminata è iniziata una striscia di spiaggia divina ma gli incontri fatti in questi chilometri sotto il sole cocente sono stati stravaganti. Nel frattempo, il lucertolone, (terza foto) che con i suoi colori mutanti si nascondeva su un muro vicino alla strada. Ma alla fine, eccolo! La farfalla, (seconda foto) mentre la inseguivo tra la polvere e il campo di grano ancora alto, fino a quando non ha deciso di posarsi  un momento. La prima foto invece è un meraviglioso furgone Volkswagen arancione, forse abbandonato non lontano da un paio di case a pochi passi dal mare.

Man driving motorbike in Rhodes, Greece

E 'stato più o meno quando ho incrociato questo simpatico signore su questa piccola moto che sono riuscito a sdraiarmi per la prima volta sulla spiaggia per un po' dopo alcuni giorni. Lungo la costa occidentale dove il turismo è meno pressante e in alcuni posti è possibile avere decine e decine di metri di spiaggia tutti per te. Anche un po 'di ombra naturale, ovviamente.

Kite surfing in Rodi, Grecia

Lo stesso vale per coloro che "navigano". Ci sono scuole di kitesurf da queste parti, poiché non vi è alcun agglomerato di navi turistiche come nel centro di Rodi, e si ha tutto lo spazio che si desidera.
E finalmente anch'io posso rilassarmi qualche minuto ...

Mare, mare e altro mare. Dopo questo giorno, a parte Symi, le mie giornate posso diventare da  un vero "turista", cercando di osservare il mare, la spiaggia e tutto ciò che avevo perso nei primi due giorni, con un occhio diverso.

onde che si infrangono su un piccolo molo durante il tramonto a Rodi, Grecia

Questa è una delle immagini più emozionanti della seconda parte del mio viaggio fotografico: sul lato ovest di Rodi, il vento e le onde sono decisamente più forti rispetto alle piccole spiagge del centro storico . Lo stesso vale per l'alba e il tramonto. Se volete vedere l'alba sul mare dovete andare al centro storico o alle spiagge ad est, per vedere il tramonto a ovest. Ovviamente i primi due giorni ero in un hotel in centro, mentre gli ultimi quattro, qui sul lato ovest. Il vento e i colori del tramonto sono unici!
Nessun dubbio!

Non saprei calcolare quanto tempo ho trascorso sulla spiaggia in attesa che qualcuno saltasse dal trampolino più alto (foto due e quattro). I bambini sono impavidi ma altri rimanevano per decine di minuti in attesa ... e io con loro per scattare una foto di qualcuno che saltasse in mare

Va detto che Rodi ha anche un bellissimo centro storico, con scorci davvero interessanti che non tutti possono notare ...Spero di mostrarvi qualcosa di nuovo, anche se avrete già visto centinaia di foto di questa affascinante isola e del  suo bel centro città. Prima di trasferirci a Symi e, con un  po' di tristezza, agli ultimi tramonti prima di partire per casa...

Una delle strade più attraenti di Rodi è quella che porta al castello. Di notte è illuminata da molte luci che puoi vedere in alto a destra del muro

Bene! Prime due foto: vedute del centro storico di Rodi in una bella giornata di sole. Attenzione agli scooter. Molte persone passano rapidamente prestando poca attenzione a coloro che camminano. E in estate, quasi tutti camminano! Terza foto: un personaggio mitico dell'isola: Il corvo. La mattina presto, quando sono partito per qualche escursione, ho trovato questo simpatico uccello impegnato a mangiare da cestini dei rifiuti, mentre durante il giorno lo si può ammirare su alcuni cavi della luce/telefono. Con i gabbiani condivide lo spazio aereo dell'isola.
Aerei di linea permettendo.
Quarta foto: il faro con l'inevitabile bandiera greca. Dal porto turistico non potete perderlo. È uno dei simboli della città.

.. e così anche la sera cadde a Rodi ... Inutile dire che dopo il tramonto non manca una moltitudine di luci incredibile.
 Comunque, prima foto: la spiaggia di fronte al mio hotel. Ho provato ad usare le luci della strada per lasciare più a lungo i tempi di scatto e vedere come venivano le foto delle onde del mare. Esperimenti.
Seconda foto: uno dei tanti ristoranti colorati e illuminati nel centro storico. Impossibile non notarlo di notte!
Terza foto: una piccola strada colorata al centro. Ecco l'importanza di camminare molto e cercare ogni angolo dei luoghi che visitiamo.
Ultima foto: particolare della Chiesa dell'Annunciazione, vicino al porto di Mandraki. Passando fuori la sera, potete vedere questo strano effetto attraverso le grate di ferro che servono a proteggere il "mausoleo" all'interno.

Symi

Symi è una piccola isola o un'ora di navigazione circa da Rodi. La sua architettura è molto particolare e, per questo motivo, è "invasa" dai turisti durante l'alta stagione. Come potete vedere dalle foto è anche l'isola delle scale, infatti ogni piccola scala conduce dalla parte bassa del paese alle case situate più in alto. In inverno, naturalmente, l'isola si svuota completamente e, come mi hanno detto alcuni abitanti, qui rimangono solo in 300! Una calma indescrivibile, immagino...

Tra le tante barche che partono dal porto di Rodi, si possono scegliere tra due diversi porti su cui approdare a Symi: il villaggio in cui ho postato la foto sopra o quella del Monastero dell'Arcangelo Michele a Panormitis, dove spesso si può fare un bagno e tornare indietro. Qui, a dire il vero, non c'è molto, se non il monastero, poche case, una piccola spiaggia, un bar e, esplorando bene, un piccolo negozio artigianale nascosto dietro due rampe di scale bianche dove pochi turisti cercano rifugio all'ombra .Ma, se come me, non volete perdere ogni angolo dell'isola, potete anche scegliere i mini tour che toccano sia il pittoresco villaggio che il monastero. Almeno si può star seduti per un po' 'ad ascoltare il silenzio e godere della calda calma di questo luogo divino.

Tutta la desolazione e il fascino del Dodecaneso in questa foto. I Turisti dietro di me. Chi all'interno del monastero, chi sedeva ai tavoli del bar per mangiare il gelato o per bere qualcosa di fresco.
Con il campo libero ho colto l'occasione per tirare fuori il mio grandangolo e immortalare questa parte del porto, con la vista delle colline aride e secche.
Una barca singola nel piccolo molo e una panchina vuota ma perfettamente conservata.
Anche questa è la Grecia: bella e perfetta nei suoi angoli apparentemente desolati, pronta a riempirsi di turisti in un istante.

Bene. Cinque foto di questo angolo poco conosciuto del mondo.
Prima foto: un bel dettaglio.  Sandali di gomma da mare. Nel Dodecaneso molte spiagge sono rocciose e per questo motivo molti preferiscono entrare in acqua con questo tipo di "protezione" piuttosto che a piedi nudi. Non c'è bisogno di sapere quante persone vivono in una casa. Basta contare il numero di scarpe fuori dalla porta ad asciugare al sole. Foto due: un particolare del campanile del monastero di Panormitis. Colori, colori e colori.
Foto tre: la piccola scala bianca che ho menzionato sopra. Se la seguite, si arriva in una mini piazza dove sono sedute alcune persone e c'è anche un piccolo laboratorio artigianale.
Quarta foto: il re dei cieli del Mediterraneo. Signori e signore, il gabbiano! Con il mio telezoom 75-300 mm, è il meglio che sono riuscito a fare. Ma si  vede in tutta la sua bellezza, credo.
Ultima foto: il mulino che accoglie le navi all'ingresso del porto. Dietro di esso tutta la rudezza delle colline di Symi.

e per finire...

Ho cercato di ridurre il più possibile l'infinità di foto che ho scattato in questi dieci giorni perché, si sa, quando sei in viaggio, tendi a farti coinvolgere dall'eccitazione di fotografare tutto ma poi, quando torni a casa, trovi  errori e noti parecchia ripetitività di molte foto. Inoltre, per alcune persone che si trovavano di fronte alla fotocamera per giocare e scherzare a cui ho fatto delle belle foto, non ho chiesto poi l'autorizzazione per la pubblicazione. In ogni caso, c'è una foto che mi ha emozionato molto. L'ultima con cui chiuderò questo articolo. L'ultima che ho fatto dal sesto piano dell'hotel in attesa che la nave da crociera passasse sotto il sole infuocato.

PS: se sei un fotografo esperto, eventuali commenti o giudizi sono ben accetti (anche negativi ovviamente!)

Nave da crociera passa sotto il sole durante il tramonto a Rodi, Grecia
L'ultima foto dal 6 ° piano dell'hotel di Rodi, in attesa che la nave da crociera passasse sotto il sole

Scrivi commento

Commenti: 0